Vai all’indice principale

Desbox

SISTEMI DI SCAFFALATURE OHRA PER IL DEPOSITO DI VEICOLI SU 5 LIVELLI

OHRA produce sistemi di scaffalature per il deposito di veicoli costituiti principalmente da 3 o 4 livelli. Recentemente in Spagna è stato installato il primo sistema di immagazzinamento a 5 livelli.

Negli ultimi anni si sono registrati continui progressi nel recupero e riciclaggio dei veicoli a fine vita. Un nuovo passo nell’ambito di tale evoluzione nasce dall’esigenza di considerare ciascun veicolo, nell’ambito del processo di riciclaggio, come elemento unico ed individuale. Ciò che si cerca oggi in un deposito non è più un modello di veicolo risalente più o meno ad un dato periodo – bensì un veicolo ben preciso del quale si sa che è disponibile nel deposito e che risponde esattamente alle esigenze dei clienti interni ed esterni.

Oggi ogni veicolo si trova in un luogo al quale è possibile risalire con esattezza ed accessibile in modo semplice e veloce. Con il sistema di scaffalature ed un protocollo compilato dal responsabile del recupero, il processo di riciclaggio può essere gestito in modo ottimale. E così le informazioni necessarie per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti sono disponibili in qualsiasi momento.

Con gli stessi criteri di selezione che abitualmente si adottano per l’acquisto di un nuovo veicolo o di un ricambio presso l’autosalone, è possibile risalire esattamente al pezzo necessario. Oggi è possibile offrire ai clienti, in impianti di recupero autorizzati, i componenti disponibili che soddisfano al meglio le loro esigenze. I casi che ancora oggi spesso si verificano di clienti che devono accontentarsi di un pezzo diverso da quello che cercano, ma più a portata di mano, per il semplice fatto che quello giusto si trova in un punto non accessibile del deposito dietro ad altri veicoli, sono oramai una cosa del passato.

In molti paesi già da diversi anni si è cominciato ad utilizzare scaffalature per veicoli prodotte da aziende specializzate che soddisfano le molteplici e rigorose norme vigenti. Su di una targhetta regolamentare apposta dal produttore sullo scaffale sono riportate le caratteristiche tecniche dell’impianto ed i dati del produttore stesso. Questi dati sono consultabili in qualsiasi momento per ispezioni di qualsiasi genere da parte delle autorità competenti o di società di assicurazione. Queste ultime hanno anche accesso alla documentazione nella quale si attesta l’adempimento delle norme e che viene consegnata all’impianto di recupero dal produttore. Specialmente in caso di deposito all’aperto spesso si utilizzano scaffalature la cui idoneità non è certificabile dal punto di vista statico a causa di carenze progettuali che non tengono conto delle zone sismiche o ventose.

Dotando questi impianti di sistemi di scaffalature, è possibile depositare ed identificare i veicoli in modo ottimale ed accedere a ciascuno di essi in qualsiasi momento utilizzando un semplice metodo di registrazione. Inoltre è possibile ridurre i processi ricorrenti, spesso onerosi, dovuti alla necessità di spostare i veicoli per accedere ad altri mezzi depositati. Ciò si evidenzia anche nelle spese fisse che contribuiscono in modo significativo all’efficienza e competitività dell’impianto di recupero.

In alcuni impianti di riciclaggio ancora oggi si ritiene che si debbano mettere in conto alcune rinunce per quanto riguarda numero o integrità dei pezzi che hanno raggiunto l’impianto in perfetto stato. Con il tempo vengono arrecati danni ai veicoli depositati o persi dei componenti che quindi non potranno più essere riciclati. Le parti in lamiera o gli accessori esterni spesso vengono resi inutilizzabili a casa di urti o schiacciamenti.

L’utilizzo di un sistema a scaffalature consente di stabilire per ogni veicolo in arrivo all’impianto un luogo ben definito nel quale il mezzo sarà depositato in modo permanente. Tutti i componenti così si conserveranno integri. Se dalla banca dati risulta che è disponibile uno sportello del modello “A”, si ha la certezza che esso sarà in perfetto stato quando se ne avrà necessità. L’ambiente ci sarà grato e la quota prescritta dalla legge per il riciclaggio e recupero di veicoli a fine vita potrà essere rispettata. Inoltre ciò comporterà conseguenze economiche estremamente positive per l’azienda. Non si dovranno più mettere in conto perdite dovute a componenti danneggiati o andati perduti.

I sistemi di scaffalature di ultimissima generazione di OHRA si possono dotare, a seconda delle esigenze del cliente, di bracci mobili o travi a mensola tali per cui eventuali colpi che in passato avrebbero arrecato gravi danni all’impianto o ai veicoli, oggi non comportano più alcun pericolo. La robusta struttura in profilato d’acciaio laminato a caldo e zincata a fuoco nella versione per esterni garantisce una lunga vita utile.

Queste scaffalature soddisfano la normativa europea vigente e sono certificabili dal punto di vista statico in qualsiasi momento.

In riferimento alla prevenzione dei rischi sul lavoro spesso non si tiene debitamente conto della pratica ancora molto diffusa di impilare i veicoli l’uno sull’altro contribuendo, fra l’altro, ad aumentare il rischio di caduta dei mezzi. Questo rischio si può evitare mediante l’installazione di sistemi di scaffalature. In questo modo si possono così impilare fino a cinque veicoli (in alcuni casi anche più) su di una superficie della grandezza di un solo veicolo.

In sintesi l’installazione di sistemi di scaffalature certificabili dal punto di vista statico porta più ordine, pulizia, sicurezza ed efficienza negli impianti di recupero. Un’immagine che viene percepita anche dai clienti, dalle autorità e dalle società d’assicurazioni ecc. con conseguenti ripercussioni positive sui rapporti reciproci.


Galleria dei progetti